Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Santa Caterina - Discesa di Via Acqua del Ferro
Punti di interesse
Acireale - Fortezza del Tocco
Acireale - Duomo
Acireale - Ciclope
Acireale - Chiesa di San Biagio
Acireale - Chiesa di San Domenico
Aci Sant'Antonio - Chiesa di San Michele Arcangelo
Aci Sant'Antonio - Chiesa di San Biagio
Aci Sant'Antonio - Chiesa Sconsacrata
Acireale - Basilica dei Santi Pietro e Paolo
Aci Sant'Antonio - Chiesa Madre
Aci Catena - Eremo di Sant'Anna
Capo Mulini - Faro Sant'Anna
Acitrezza
Scillichenti
Stazzo
Santa Caterina
Santa Maria la Scala
Santa Tecla
Capo Mulini
Acireale - Villa Belvedere
Acireale - Grotta Scannato
Acireale - Grotta di Don Carmelo
Acireale - Grotta Giuffrida
Aci Castello - Grotta delle Fate
Aci Castello - Grotta Romeo
Acireale - Grotta delle Palombe
Aci Castello - Grotta di Via San Gregorio
Acireale - Grotta del Presepio
Lachea
Acitrezza - Faraglioni
Santa Caterina - Discesa di Via Acqua del Ferro
Acitrezza - Museo Casa del Nespolo
Acireale - Chiazzette
Acireale - Acquegrandi
Acireale - Palazzo San Domenico
Aci Castello - Porto
Acitrezza - Porto
Acireale - Porto di Capomulini
Acireale - Porto di Santa Maria La Scala
Acireale - Porto di Santa Tecla
Acireale - Porto di Stazzo
Valverde - Santuario di Santa Maria di Valverde
Acireale - Terme Santa Venera
 
Santa Caterina - Discesa di Via Acqua del Ferro

Dall’abitato di Santa Caterina, borgo anticamente nominato “dei Cavallari” si raggiunge il belvedere con una meravigliosa vista ad arco su Acquegrandi e Acireale. In epoche passate infatti, sulla Rupe di San Guglielmo, con i suoi 175 m s.l.m., era posto un importante punto di avvistamento. Da qui è possibile raggiungere l'ingresso di un sentiero si trova in via Acqua del Ferro che, attraverso una ripida scalinata di oltre 500 gradini, conduce fino alla sottostante spiaggia sassosa. Quasi all'inizio della discesa si incontra un magnifico esemplare di carrubo immerso nella macchia mediterranea. Attraversando il costone si ripercorre un importante capitolo della affascinante storia del vulcano Etna, leggibile nella successione di colate e tufi che caratterizzano la timpa di Santa Caterina. Giunti in spiaggia si trova la sorgente dell'Acqua del Ferro, così denominata per il contenuto ferroso dell’acqua che dona alle rocce la tipica colorazione rossastra. Procedendo in direzione sud è possibile osservare una interessante alternanza di due spesse colate laviche intervallate da livelli di tufi di colorazione giallastra ben stratificati. Al livello del mare è possibile osservare un livello di tufi, rossastro per cottura da parte della colata lavica che l’ha ricoperto.