Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Capo Mulini
Punti di interesse
Acireale - Fortezza del Tocco
Aci Castello - Castello di Aci Castello
Acireale - Duomo
Acireale - Ciclope
Acireale - Chiesa di San Biagio
Acireale - Chiesa di San Domenico
Aci Sant'Antonio - Chiesa di San Michele Arcangelo
Aci Sant'Antonio - Chiesa di San Biagio
Aci Sant'Antonio - Chiesa Sconsacrata
Acireale - Basilica dei Santi Pietro e Paolo
Aci Sant'Antonio - Chiesa Madre
Aci Catena - Eremo di Sant'Anna
Capo Mulini - Faro Sant'Anna
Acitrezza
Santa Caterina
Santa Maria la Scala
Capo Mulini
Acireale - Villa Belvedere
Acireale - Grotta di Don Carmelo
Acireale - Grotta Giuffrida
Aci Castello - Grotta delle Fate
Aci Castello - Grotta Romeo
Acireale - Grotta delle Palombe
Aci Castello - Grotta Zappalà
Aci Castello - Grotta di Via San Gregorio
Acireale - Grotta del Presepio
Lachea
Acitrezza - Faraglioni
Santa Caterina - Discesa di Via Acqua del Ferro
Acitrezza - Museo Casa del Nespolo
Acireale - Chiazzette
Acireale - Acquegrandi
Acireale - Palazzo San Domenico
Aci Castello - Porto
Acitrezza - Porto
Acireale - Porto di Capomulini
Acireale - Porto di Santa Maria La Scala
Valverde - Santuario di Santa Maria di Valverde
Acireale - Terme Santa Venera
 
Capo Mulini

Capo Mulini è una frazione del comune di Acireale, in provincia di Catania. Si trova a sud di Acireale, da cui dista circa 5 chilometri, nei pressi dell'omonimo capo che segna il limite settentrionale del Golfo di Catania.

Storia



Nei pressi dell'odierna borgata doveva sorgere la città di Xiphonia e sono stati rinvenuti reperti d'età romana. Nel 1800 fu progettato un grande porto commerciale ma questo non fu eseguito, essendosi preferito creare una struttura nella vicina e più popolosa (benché priva di porto naturale) Catania.

Luoghi d'Interesse


*La Torre Sant'Anna, oggi faro, fu iniziata nel 1582 in corrispondenza del Capo Mulini e finita in circa un ventennio. Vi alloggiava un corpo di guardia con il compito di allertare all'avvicinarsi di navi corsare.
*La chiesa è dedicata a Santa Maria della Purità, risale al XVI secolo ed è stata rifabbricata nel 1796.

Economia


L'economia della frazione si basa sulla pesca, sulla ristorazione e sul turismo. Ormai abbandonate sono le attività industriali (concerie) presenti tra il XIX e il XX secolo.