Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Sant'Agata li Battiati
Punti di interesse
Catania - Castello Leucatia
San Giovanni la Punta - I Portali
San Giovanni la Punta - Le Zagare
Gravina di Catania - Katanè
Tremestieri Etneo - Le Ginestre
San Gregorio di Catania - Centro Intrattenimenti
Catania - Chiesa di Santa Maria di Gesù
Aci Sant'Antonio - Chiesa di San Michele Arcangelo
Aci Sant'Antonio - Chiesa di San Biagio
Aci Sant'Antonio - Chiesa Sconsacrata
Trecastagni - Chiesa di Santa Caterina
Catania - Chiesa di Sant'Agata al Borgo
Catania - Chiesa del Santissimo Sacramento al Borgo
Catania - Chiesa di Santa Maria della Guardia
Catania - Chiesa di San Gaetano alle Grotte
Mascalucia - Chiesa della Santissima Trinità
San Gregorio di Catania - Chiesa dell'Immacolata
Aci Sant'Antonio - Chiesa Madre
San Gregorio di Catania - Chiesa Madre Santa Maria degli Ammalati
Catania - Le Ciminiere
Catania - Fontana dei Malavoglia
Catania - Fontana di piazza Santa Maria di Gesù
Catania - Fontana di Cerere
Catania - Fontana del centro cittadino
Catania - Villa Bellini
Catania - Orto Botanico
Catania - Parco Gioeni
Catania - Grotta dell'Oliveto Scammacca
Catania - Grotta di Novalucello I
San Gregorio di Catania - Grotta Immacolatella I
San Gregorio di Catania - Grotta Micio Conti
San Gregorio di Catania - Grotta Immacolatella II
San Gregorio di Catania - Grotta Immacolatella III
San Gregorio di Catania - Grotta Immacolatella IV
Catania - Grotta della Chiesa
Catania - Grotta Marrano
Trecastagni - Grotta Comune
San Gregorio di Catania - Grotta del Fico I
San Gregorio di Catania - Grotta del Fico II
Sant'Agata li Battiati - Grotta della Leucatìa
San Gregorio di Catania - Grotta Cantarella I
Aci Castello - Grotta delle Fate
Aci Castello - Grotta Romeo
Catania - Grotta del Tondo Gioeni
Catania - Grotta Angelo Musco
Pedara - Grotta di Monte Trigona
Catania - Grotta di Novalucello II
Catania - Grotta di Novalucello III
Catania - Grotta Guzzardi
San Gregorio di Catania - Grotta Cantarella II
Aci Castello - Grotta di Via San Gregorio
Catania - Grotta di San Giovanni
Catania - Grotta Caflisch
San Gregorio di Catania - Grotta dei Tedeschi
Catania - Grotta di Cezza
Catania - Grotta di San Nullo
San Gregorio di Catania - Grotta della Gebbia
San Gregorio di Catania - Grotta Di Bella
Catania - Grotta Mario Ciancio
Catania - Grotta Petralia
Aci Castello - Grotta Militti
Misterbianco - Grotta della Tangenziale
Catania - Cavallo di Bronzo
Catania - Museo dell'Arte del Carretto Siciliano
Catania - Museo di Mineralogia Paleontologia e Vulcanologia
Catania - Museo di Zoologia
Catania - Palazzo delle Scienze
Catania - Grattacielo Generali
Catania - Palazzo Fortuna
Catania - Palazzo di Giustizia
Catania - Palazzo delle Poste
Catania - Piazza Europa
Catania - Porto Rossi
Catania - San Giovanni Li Cuti
Catania - Porticciolo di Ognina
Valverde - Santuario di Santa Maria di Valverde
Catania - Santuario della Madonna del Carmine
Catania - Stadio Cibali
Catania - Teatro Metropolitan
Catania - Torre di Ognina
Catania - Villa Manganelli
Catania - Villa Scammacca
 
Sant'Agata li Battiati

Durante il Medio Evo la superficie dell’attuale (Kmq 3,13) era inglobata nel territorio de casale di Tremestieri. Nel 1444 una colata lavica, minacciava di distruggere gran parte dell’area sud-orientale dell’Etna. Sia la popolazione che le autorità civiche, chiesero al Vescovo Giovanni De Pescibus di fare una processione col Velo di Sant’Agata. Il territorio di Sant’Agata li Battiati, dopo la colata lavica del 1444, non è mai stato direttamente interessato da altri eventi vulcanici, mentre dopo il terremoto del 1693 la ricostruzione di Sant’Agata li Battiati fu lenta. Nel diciottesimo secolo il centro contava circa 400 abitanti, cinque chiese e quattro sacerdoti. Nella seconda metà del ‘700 divenne "Terra gentilizia". E qui, alle falde dell’Etna, vi trascorrevano la villeggiatura marchesi, baroni, rncipi, cardinali e famiglie nobili. Infatti, risalgono a quell’epoca, in buona parte, tutte le ville patrizie. Villa Anna divenne il quartier generale delle truppe alleate. Le azioni vandaliche della soldataglia produssero enormi danni al patrimonio artistico-culturale della villa. L’8 settembre del ’43, alla notizia che l’Italia aveva firmato, un folto gruppo di ragazzini in festa invase la navata della chiesetta di San Michele Arcangelo e suonò a distesa di campane per avvertire la cittadina. Al "Te Deum" di ringraziamento partecipò l’intera popolazione, osannante la Vergine del Rosario.