Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Catania - Porta Garibaldi
Punti di interesse
Catania - Terme della Rotonda
Catania - Arciconfraternita dei Bianchi
Catania - Pozzo di Gammazita
Catania - Terme di Sant'Antonio
Catania - Terme Achilliane
Catania - Monastero della Santissima Trinità
Catania - Cappella Bonajuto
Catania - Cortile San Pantaleone
Catania - Aeroporto Fontanarossa
Catania - Teatro Greco-Romano
Catania - Odeon
Catania - Anfiteatro Romano
Catania - Terme dell'Indirizzo
Catania - Castello Ursino
Catania - Castello Leucatia
Catania - Cattedrale di Sant'Agata
Catania - Auchan San Giuseppe La Rena
Catania - Porte di Catania
Catania - Collegiata
Catania - Chiesa di San Francesco Borgia
Catania - Chiesa di San Benedetto
Catania - Chiesa di San Francesco d'Assisi all'Immacolata
Catania - Chiesa di San Giuliano
Catania - Chiesa di San Nicolò l'Arena
Catania - Chiesa di Santa Maria di Gesù
Catania - Badia di Sant'Agata
Catania - Chiesa di Sant'Agata alla Fornace
Catania - Chiesa di Santa Teresa
Catania - Chiesa di San Michele ai Minoriti
Catania - Chiesa di San Camillo
Catania - Chiesa della Purità
Catania - Chiesa di Sant'Agata al Carcere
Catania - Chiesa di Sant'Agata la Vetere
Catania - Chiesa di Sant'Agata al Borgo
Catania - Chiesa del Santissimo Sacramento al Borgo
Catania - Chiesa di Santa Maria della Guardia
Catania - Chiesa della Santissima Trinità
Catania - Chiesa Santa Maria dell'Aiuto
Catania - Chiesa Santa Maria dell'Indirizzo
Catania - Chiesa di Sant'Agostino
Catania - Chiesa di San Gaetano alle Grotte
Catania - Chiesa di San Domenico
Catania - Chiesa dei Minoritelli
Catania - Chiesa di San Sebastiano
Catania - Chiesa di San Placido
Catania - Faro Biscari
Catania - Pescheria
Catania - Le Ciminiere
Catania - Fontana dell'Elefante
Catania - Fontana dell'Amenano
Catania - Fontana dei Malavoglia
Catania - Fontana di Proserpina
Catania - Fontana dei Sette Canali
Catania - Fontana di piazza Santa Maria di Gesù
Catania - Fontana di Sant'Agata
Catania - Fontana dei Delfini
Catania - Fontana delle Conchiglie
Catania - Fontana di Cerere
Catania - Fontana del centro cittadino
Catania - Villa Bellini
Catania - Villa Pacini
Catania - Orto Botanico
Catania - Parco Gioeni
Catania - Grotta dell'Oliveto Scammacca
Catania - Grotta di Novalucello I
Catania - Grotta Marrano
Sant'Agata li Battiati - Grotta della Leucatìa
Catania - Grotta del Tondo Gioeni
Catania - Grotta Angelo Musco
Catania - Grotta di Novalucello II
Catania - Grotta di Novalucello III
Catania - Grotta Guzzardi
Catania - Grotta Caflisch
Catania - Grotta di Cezza
Catania - Grotta di San Nullo
Catania - Grotta Mario Ciancio
Catania - Grotta Petralia
Misterbianco - Grotta della Tangenziale
Catania - Monastero di Santa Chiara
Catania - Monumento a Vincenzo Bellini
Catania - Cavallo di Bronzo
Catania - Museo Belliniano
Catania - Casa-Museo di Giovanni Verga
Catania - Museo Civico
Catania - Casa del Mutilato
Catania - Museo del Giocattolo
Catania - Museo dell'Arte del Carretto Siciliano
Catania - Museo di Mineralogia Paleontologia e Vulcanologia
Catania - Museo di Zoologia
Catania - Lido Plaia
Catania - Amenano
Catania - Fiume Amenano sotto l'Ostello
Catania - Cimitero monumentale
Catania - Meridiana dei Benedettini
Catania - Collegio dei gesuiti
Catania - Monastero Benedettino
Catania - Palazzo degli Elefanti
Catania - Seminario dei Chierici
Catania - Palazzo Biscari
Catania - Palazzo dell'Università
 
Catania - Porta Garibaldi

Questo stupendo monumento settecentesco - meglio conosciuto dai catanesi col popolare nome di porta del Fortino - eretto un po' per ornamento della città, un po' per rispondere a esigenze urbanistiche con la creazione in asse alla cattedrale, in fondo all'attuale via Garibaldi (Allora via San Filippo), di uno scenario suggestivo che comprendesse anche un valido sistema di collegamento fra la cinta urbana e le strade di comunicazione con i centri dell'interno dell'isola, fu voluto da due principi catanesi: Giovanni Rosso di Cerami (allora magistrato alle opere pubbliche) e Ignazio Paternò Castello di Biscari, i quali affidarono l'incarico a Stefano Ittar e a suo suocero, Francesco Battaglia. La porta fu inaugurata in occazione delle nozze di Ferdinando I di Borbone con Maria Carolina d'Austria e dedicata proprio ai due sposi, nel giorno del loro matrimonio, il 13 maggio 1768. Per realizzarla i due architetti utilizzarono la pietra nera dell'Etna e la pietra bianca di Siracusa: "Si erge in fondo a via Garibaldi con le sue fasce laviche e calcaree, i trofei, le figure alate e l'acquila fremente sul culmine dell'orologio: la decorazione trova la più ampia risonanza nella faccia esterna, concava pera ccogliere i visitatori, unitamente al vasto corteo di palazzi, anch'essi a bande, che avrebbero dovuto racchiudere l'attigua piazza Palestro. Di questo magnifico seguito scenografico barocco abbiamo poco più delle fondamenta e una pittoresca incisione" (Vito Librando). "Ai lati della Porta sono disposti quattro gruppi di colonne binate di ordine toscano, complete di piedistallo e di trabeazione. Su questo è adagiato un attico traforato secondo il motivo ricorrente anche nelle opere del Vaccarini e del Battaglia. Al centro si sovralza l'arco, che sostiene un piedistallo sagomato per sorreggere la decorazione scultorea che, anche per le finalità celebrative del tema architettonico è formata da numerosi e fastosi elementi dovuti allo scultore palermitano Marino: corazze, elmi, angeli che suonano, l'elefante simbolo della città e in alto, su un orologio di forma ellittica, l'acquila borbonica" (Salvatore Boscarino).

I Catanesi la battezzarono subito (e molti la chiamano ancora così) porta del Fortino, poiché in queslla zona vi era un'antica costruzione militare (di cui resta un arco in fondo a via Sacchero), ma in omaggio al re il nome ufficiale fu quello di Porta Ferdinanda, che mantenne per quasi un secolo, ossia fino al compimento dell'unità d'Italia allorché venne dedicata a Giuseppe Garibaldi, che proprio da questo ingresso, al grido di "O Roma o morte", nell'estate del 1862 arrivò a Catania. Gli amministratori del tempo provvidero subito ad adeguare, correggendola, l'anticola dedica borbonica al nuovo monumento storico e al nuovo titolare.
Dalla frase che ricordava il matrimonio di Ferdinando e Maria Carolina ("Optimo principi - S.P.Q.C. - aedilium cura - fausta conyugii anno MDCCLXVIII") vennero sospese le parole "Optimo principi" e "fausto conyugii" sicché risultò una dizione non compromettente e valida per tutti gli usi "S.P.Q.C - aedilum cura - MDCCLXVIII"-

Sullo stesso frontone (cioè il prospetto occidentale) sono riportate due frasi che glorificano la città "Armis decoratur" e Literis armatur". Nel 1931, a iniziativa del commissario al Comune Luigi Farina e su progetto dell'ing. Giuseppe MAncini, furono eseguiti i lavori di isolamento della porta ai cui lati si erano ammassaticumuli di catapecchie.Il monumento riacquistò fulgore e la viabilità con le due arterie di scorrimento realizzate ai lati della porta, grande sollievo. Furono smantellati anche un indecoroso abbeveratoio e un lercio mercato che da tempo immemorabile aveva piantato le tende all'ombra del monumento.