Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Palermo - Statua del Genio di Palermo
Punti di interesse
Palermo - Casa Padri Sant'Eulalia
Palermo - San Carlo Borromeo dei Milanesi
Palermo - Stand Florio
Palermo - Oratorio di San Vito
Palermo - Conservatorio Vincenzo Bellini
Palermo - Fortezza del Palazzo Reale
Palermo - Fortezza del Castellammare
Palermo - Castello della Zisa
Palermo - La Cuba
Palermo - Castello Utveggio
Palermo - Castello della Favara
Palermo - Castello a Mare
Palermo - Catacombe dei Cappuccini
Palermo - Necropoli di Villa Romana
Palermo - Cattedrale
Palermo - Forum Palermo
Palermo - Chiesa Annunziata alla Zisa
Palermo - San Giovanni degli Eremiti
Palermo - Santa Maria Regina del Paradiso dei Mugnai
Palermo - Chiesa di Santa Maria delle Grazie di Montevergini
Palermo - Chiesa di San Matteo
Palermo - Madonna del Sabato
Palermo - Santa Maria degli Agonizzanti
Palermo - Chiesa Annunziata del Giglio
Palermo - Chiesa della Magione
Palermo - Madonna del Lume ai Casseri
Palermo - La Gancia
Palermo - Chiesa di San Francesco di Paola
Palermo - Sant'Onofrio
Palermo - Sant'Ignazio all'Olivella
Palermo - Chiesa e Chiostro di San Domenico
Palermo - Sant'Andrea degli Aromatari
Palermo - San Giorgio Dei Genovesi
Palermo - San Sebastiano
Palermo - Santa Maria Della Catena
Palermo - Cappella Palatina
Palermo - Santa Maria dello Spasimo
Palermo - San Giovanni dei Lebbrosi
Palermo - San Francesco d'Assisi
Palermo - San Giuseppe dei Teatini
Palermo - Santa Caterina
Palermo - San Cataldo
Palermo - La Martorana
Palermo - Chiesa Madonna della Mercè
Palermo - Chiesa di San Nicolò da Tolentino
Palermo - Chiesa di San Giorgio dei Genovesi
Palermo - Chiesa di Sant'Agostino
Palermo - Chiesa Sant'Eulalia dei Catalani
Palermo - Chiesa di Santa Maria degli Angeli o della Gancia
Palermo - Chiesa di Santa Maria della Catena
Palermo - Chiesa Santa Maria La Nuova
Palermo - Chiesa del Gesù
Palermo - Chiesa di San Francesco Saverio
Palermo - Santa Maria dei Miracoli
Palermo - Chiosco Vicari
Palermo - Chiosco Ribaudo
Palermo - Capannoni Ducrot
Palermo - Fontana Pretoria
Palermo - Fontana del Cavallo Marino
Palermo - Fontana del Garraffo
Palermo - Orto Botanico
Palermo - Parco d'Orléans
Palermo - Giardino Garibaldi
Palermo - Giardino Inglese
Palermo - Giardino della Zisa
Palermo - Villa Bonanno
Palermo - Camera dello Scirocco
Palermo - Qanat Gesuitico Alto
Palermo - Qanat Gesuitico Basso
Palermo - Statua del Genio di Palermo
Palermo - Monumento ai Caduti nella Lotta Contro la Mafia
Palermo - Statua Carlo V
Palermo - Monumento di Filippo V
Palermo - Mura delle Cattive
Palermo - Museo della Fondazione Mormino
Palermo - Museo Internazionale delle Marionette
Palermo - Palazzo Abatellis
Palermo - Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas
Palermo - Oratorio dei Bianchi
Palermo - Edicola dell'Averinga
Palermo - Albergo delle Povere
Palermo - Palazzo dei Normanni
Palermo - Palazzo Arcivescovile
Palermo - Palazzo Asmundo
Palermo - Loggia dell'Incoronazione
Palermo - Palazzo Cuto
Palermo - Palazzo Castrone di Santa Ninfa
Palermo - Palazzo Geraci
Palermo - Palazzo Rosselli
Palermo - Palazzo Oneto di San Lorenzo
Palermo - Palazzo Bosco Belvedere Lanza
Palermo - Palazzo Comitini
Palermo - Palazzo Algaria
Palermo - Palazzo Damiani
Palermo - Palazzo Speciale Raffadali
Palermo - Palazzo Costantino
Palermo - Palazzo Castellana
Palermo - Palazzo Larderia
Palermo - Palazzo Roccella
Palermo - Palazzo Vanni
 
Palermo - Statua del Genio di Palermo

La fontana del Genio di Palermo, che costituisce il centro dell’antico "mercato di Fieravecchia" (in Piazza Rivoluzione), raffigura il nume tutelare della città che spesso viene rappresentato insieme alla patrona, Santa Rosalia, ma è difficile dire chi sia realmente questo personaggio mitico e misterioso che si trova in molti luoghi e monumenti di Palermo.
Lo storico Alessandro Dell’Aira (Van Dyck a Palermo, Kalós 1999), riguardo a questo Genio dice che “l’emblema di Palermo nell’ultimo quarto del Cinquecento era una figura maschile, personificazione della città, con la barba divisa, la corona ducale e un serpente tra le braccia”. Quest’ultimo, secondo i miti tramandati da Ovidio e Pausania, simboleggiava il genius loci o la metamorfosi della figura maschile.
Altra interpretazione ne dà il Di Giovanni nel primo quarto del Seicento, secondo il quale l’uomo barbuto e coronato è Palermo, ma il serpente è Scipione l’Africano aiutato dai Palermitani contro i Cartaginesi d’Annibale, sicché Scipione grato donò alla città una conca aurea con al centro una statua del guerriero omonimo che nutriva il serpente.
Nel corso di più di cinque secoli, dalla fine del Cinquecento agli inizi dell’Ottocento, il modello si è evoluto e ne restano cinque repliche monumentali, incisioni a parte. La più antica è il "Genio del Garraffo" (fine del secolo XVI), e poi, nell’ordine, il "Genio del Palazzo Pretorio" e il "Genio di Piazza Rivoluzione", al centro della fontana della fine del secolo XVII (nel 1625, e forse prima, era al Molo nuovo al centro di una fontana tra il Cippo Smirglio e la chiesa dei Mercedari); il "Genio di Villa Giulia" al centro della fontana del Marabitti (1778) e il "Genio del mosaico" del portico meridionale della Cappella Palatina.