Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Palermo - Qanat Gesuitico Alto
Punti di interesse
Palermo - Casa Padri Sant'Eulalia
Palermo - San Carlo Borromeo dei Milanesi
Palermo - Oratorio di San Vito
Palermo - Conservatorio Vincenzo Bellini
Monreale - Chiostro Benedettino
Monreale - Nuovo Convento
Monreale - Belvedere
Monreale - Collegio di Maria
Palermo - Aeroporto Boccadifalco
Palermo - Fortezza del Palazzo Reale
Palermo - Fortezza del Castellammare
Palermo - Castello della Zisa
Palermo - La Cuba
Palermo - Castello Utveggio
Palermo - Castello a Mare
Palermo - Catacombe dei Cappuccini
Palermo - Necropoli di Villa Romana
Monreale - Cattedrale Santa Maria la Nuova
Palermo - Cattedrale
Palermo - Centro Commerciale Torre Ingastone
Palermo - Chiesa Annunziata alla Zisa
Palermo - San Giovanni degli Eremiti
Palermo - Santa Maria Regina del Paradiso dei Mugnai
Palermo - Chiesa di Santa Maria delle Grazie di Montevergini
Palermo - Chiesa di San Matteo
Palermo - Madonna del Sabato
Palermo - Santa Maria degli Agonizzanti
Palermo - Chiesa Annunziata del Giglio
Palermo - Chiesa della Magione
Palermo - Madonna del Lume ai Casseri
Palermo - La Gancia
Palermo - Chiesa di San Francesco di Paola
Palermo - Sant'Onofrio
Palermo - Sant'Ignazio all'Olivella
Palermo - Chiesa e Chiostro di San Domenico
Palermo - Sant'Andrea degli Aromatari
Palermo - San Giorgio Dei Genovesi
Palermo - San Sebastiano
Palermo - Santa Maria Della Catena
Palermo - Cappella Palatina
Palermo - Santa Maria dello Spasimo
Palermo - San Francesco d'Assisi
Palermo - San Giuseppe dei Teatini
Palermo - Santa Caterina
Palermo - San Cataldo
Palermo - La Martorana
Palermo - Chiesa Madonna della Mercè
Palermo - Chiesa di San Nicolò da Tolentino
Palermo - Chiesa di San Giorgio dei Genovesi
Palermo - Chiesa di Sant'Agostino
Palermo - Chiesa Sant'Eulalia dei Catalani
Palermo - Chiesa di Santa Maria degli Angeli o della Gancia
Palermo - Chiesa di Santa Maria della Catena
Palermo - Chiesa Santa Maria La Nuova
Palermo - Chiesa del Gesù
Palermo - Chiesa di San Francesco Saverio
Monreale - Chiesa del Monte
Monreale - Chiesa del Sacro Cuore
Monreale - Chiesa del Carmine
Monreale - Chiesa della Odigitria
Monreale - Chiesa di San Vito
Monreale - Collegiata
Monreale - Chiesa di San Gaetano
Monreale - Chiesa di San Giovanni Decollato
Monreale - Madonna della Croce
Monreale - Madonna dell'Orto
Monreale - San Castrense
Monreale - Madonna delle Grazie
Palermo - Santa Maria dei Miracoli
Palermo - Chiosco Vicari
Palermo - Chiosco Ribaudo
Palermo - Capannoni Ducrot
Palermo - Fontana Pretoria
Palermo - Fontana del Cavallo Marino
Palermo - Fontana del Garraffo
Palermo - Parco d'Orléans
Palermo - Giardino Garibaldi
Palermo - Giardino Inglese
Palermo - Giardino della Zisa
Palermo - Villa Bonanno
Palermo - Camera dello Scirocco
Palermo - Qanat Gesuitico Alto
Palermo - Qanat Gesuitico Basso
Palermo - Statua del Genio di Palermo
Palermo - Monumento ai Caduti nella Lotta Contro la Mafia
Palermo - Statua Carlo V
Palermo - Monumento di Filippo V
Palermo - Mura delle Cattive
Palermo - Museo della Fondazione Mormino
Palermo - Museo Internazionale delle Marionette
Palermo - Palazzo Abatellis
Palermo - Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas
Palermo - Oratorio dei Bianchi
Monreale - Galleria Civica d'Arte Moderna
Palermo - Edicola dell'Averinga
Palermo - Albergo delle Povere
Palermo - Palazzo dei Normanni
Palermo - Palazzo Arcivescovile
Palermo - Palazzo Asmundo
Palermo - Loggia dell'Incoronazione
 
Palermo - Qanat Gesuitico Alto

In contrada Altarello di Baida nascono corsi di acqua che hanno la loro origine dal gruppo delle sorgenti del Gabriele. Si tratta di fonti che prendono i nomi arabi di Cuba, Gabriele e Nixio. A valle delle sorgenti del Gabriele, all'interno del fondo Micciulla, sgorgano le sorgenti del corso Gesuitico Alto, cosidetto per distinguerlo dalle acque che sgorgano nel sottostante fondo della Vignicella.
Il fondo Micciulla aveva originariamente in dotazione ventotto ore acqua dal fiume del Gabriele, nonché un darbo (rigagnolo) continuo d'acqua preteso dal principe di Villafranca. I padri gesuiti, nel 1636, decisero di convogliare quest'acqua nella propria tenuta della Vignicella, ma trovarono l'opposizione del principe di Villafranca che, con l'uso di uomini armati, impedì il proseguimento dei lavori.
Nel secolo scorso, dopo alterne vicende che videro l'intervento del colleggio gesuitico e il passaggio del fondo nel 1789 ad alcuni signorotti, il corso Gesuitico Alto venne rilasciato in concessione al marchese Guccia.
Agli inizi del nostro secolo, in seguito ad una permuta, l'acqua venne affidata al demanio, che nel 1927, la concesse al comune di Palermo, il quale la riunì nel corso del Gabriele per la consegna alla città.
Il Qanat Gesuitico Alto si sviluppa nel sottosuolo del quartiere di Altarello e, in particolare, al di sotto di casa Micciulla, nella via nave e nei territori agricoli circostanti.
Lungo tutto il cunicolo, alto generalmente 1,55 metri e largo 0,60-0,80 metri, si aprono sulla volta, a distanze variabili tra i 20 e i 50 metri, pozzi seriali che consentivano l'accesso al cunicolo per evacuare il materiale estratto e per ventilare l'ipogeo. La pendenza di tali cunicoli varia tra il 4 e il 6 per mille, in tale maniera si evitava l'instaurarsi di fenomeni erosivi.
Il Qanat Gesuitico Alto ha un cunicolo con uno sviluppo percorribile di circa 1100 metri; è un sistema ancora attivo con portata variabile tra 10 litri al secondo in periodo estivo e di oltre 40 litri al secondo nel periodo invernale.
La prima notizia bibliografica dei Qanat risale al 1722 ma le opere cunicolari del Gesuitico Alto sono molo antiche, come dimostrano alcuni rinvenimenti archeologici del XII-XIII secolo e i quattro livelli di cunicoli che compongono il sistema di captazione.
I cunicoli del Gesuitico Alto presentano interessanti ed innovative soluzioni finalizzate ad una migliore captazione delle acqua di falda.
I cunicoli più antichi, oggi non più percorsi dalle acque, sono scavati a 8 metri di profondità dal piano di campagna, mentre quelli più recenti si sviluppano a 16 metri di profondità, e risultano scavati non nelle calcarenite ma nella quarzarenite del Flysch numidico (strati di argilla di composizione variabile).
Numerose sono le sorgenti presenti lungo le pareti dei cunicoli che contribuiscono ad alimentare la portata del Qanat. Il Qanat è stato in parte ampliato ad opera dei gesuiti che erano i proprietari dei vasti fondi sovrastanti.