Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Mascalucia - Santuario Madonna della Sciara di Mompilieri
Punti di interesse
Gravina di Catania - Katanè
Tremestieri Etneo - Le Ginestre
Trecastagni - Chiesa di Santa Maria di Tremonti
Pedara - Chiesa di Sant'Antonio Abate
Mascalucia - Chiesa della Santissima Trinità
Pedara - Chiesa Madre Santa Caterina
Camporotondo Etneo - Chiesa Madre Sant'Antonio Abate
Nicolosi - Grotta delle Palombe
Catania - Grotta della Chiesa
Nicolosi - Grotta Lunga
Nicolosi - Grotta di Piano d'Erasmo
San Pietro Clarenza - Grotta Sgangheri
Trecastagni - Grotta Comune
Balpasso - Grotta delle Colombe I
Belpasso - Grotta delle Colombe II
Belpasso - Grotta Campana
San Pietro Clarenza - Grotta del Signore
Camporotondo Etneo - Grotta del Menzagno
Mascalucia - Grotta della Madonna di Monpilieri
Catania - Grotta di San Giovanni
Pedara - Grotta Di Salvo
Mascalucia - Grotta dell'Eremita
Belpasso - Grotta della Dinamite
Nicolosi - Monastero Benedettino di San Nicolò l'Arena
Belpasso - Santuario Madonna della Roccia
Mascalucia - Santuario Madonna della Sciara di Mompilieri
Etna - Monpilieri
Etna - Monti Rossi
Etna - Monte Fusaro
Etna - Monte Nocilla
Etna - Monte Serra Pizzuta
Etna - Monte San Nicola
Etna - Monte Gervasi
Etna - Monpeloso
Etna - Monte Arso
Etna - Monte Difeso
Etna - Monte Serra di Falco
Etna - Tre Monti
 
Mascalucia - Santuario Madonna della Sciara di Mompilieri

Il Santuario di Mompilieri, minacciato e in parte danneggiato dall'eruzione del 1537, è stato completamente sepolto dall'eruzione lavica dell'Etna dell'11 marzo 1669. Di fatto nel territorio di Mascalucia la località di Mompilieri non esiste più essendo stata distrutta. La colata lavica incandescente raggiunse l'altezza di 11 metri seppellendo e liquefacendo case e pietre, lasciando prodigiosamente intatta, solo la statua marmorea della Madonna.

Costruito subito dopo il ritrovamento della statua della Madonna della Sciara, avvenuto il 18 agosto 1704, il primo agosto 1923 il Cardinale Nava, Arcivescovo di Catania, erigeva canonicamente al Santuario l'Oratorio di Mompilieri, col proposito di attrezzarlo ai livelli degli altri grandi santuari del mondo.
La Chiesa si trova in territorio di Mascalucia, paesino a 18 chilometri da Catania e a 1 solo Km. da Nicolosi. Anche questo Santuario, come tutta la storia del territorio Etneo, è legato alla "Montagna Etna" ed alle sue eruzioni. Non si conosce esattamente la data di costruzione dell'antica chiesa dedicata alla Madonna dell' Annunziata e situata poco distante dall'attuale chiesa.
Tuttavia dalla bolla pontificia del 1382, che parla della successione di parroco, a Mompilieri, del sacerdote Francesco Mostacioso, possiamo dedurre che l'antica chiesa dell'Annunziata risalga al 1100 - 1200, forse come stazione dei templari, visto che nel territorio Etneo possedevano dei larghi appezzamenti di terreno. Spiegazione logica per il sorgere di questa grande chiesa, ma ipotesi comunque difficile da dimostrare.
Da scritti lasciati dal sacerdote Don Antonio Di Urso cappellano di Mompilieri e di Massa-Annunziata, datata 25 ottobre 1688, si legge che la nostra Chiesa Maggiore chiamata dell'Annunziata si trovava quasi a principio del paese da parte della tramontana. La detta Chiesa dell'Annunziata era a tre navate e le volte erano sostenute da colonne di Sciara. La porta grande della chiesa guardava a levante ed era vicina alla strada che calava da Nicolosi.
Nell'altare maggiore era posta l'immagine dell'Annunziata e, sopra un altro altare, l'immagine della Gran Signora Maria delle Grazie col Bambino Gesù in braccio.Dalla data del suo prodigioso ritrovamento, la Madonna delle Grazie di Mompilieri, denominata in seguito Madonna della Sciara, è oggetto di culto da parte dei fedeli che accorrono ogni anno per celebrare il fausto evento.
Inserito in uno scenario naturale incomparabile, che a primavera sembra risplendere dell'oro delle ginestre in fiore sparse in tutta la zona, il piccolo Santuario sorge in una vera oasi di pace. Dall'alto del suo piazzale, dal quale s'innalza una grande scala con altare di pietra lavica al centro, si scorgono le aree circostanti, su cui l'occhio spazia, oltre i tetti delle abitazioni, in lontananza, sparse sino alla vicina Catania e al mare dello Ionio.