Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

 
Possiedi una foto da
inserire in questa pagina?




Punti di interesse
Linguaglossa - Matrice
Linguaglossa - Villa Milena
Mascali - Grotta Forcato
Linguaglossa - Grotta del Porcospino
Piedimonte Etneo - Grotta di Monte Stornello
Piedimonte Etneo - Grotta Nicodemo
Castiglione di Sicilia - Grotta di Monte Corruccio
Linguaglossa - Grotta del Tesoro
Linguaglossa - Grotta di Piano Porcaria
Linguaglossa - Grotta delle Monache
Sant'Alfio - Grotta dei Ladri
Sant'Alfio - Pozzo di Cerrita
Sant'Alfio - Grotta Crateri 1928 I
Sant'Alfio - Grotta Crateri 1928 II
Sant'Alfio - Grotta Crateri 1928 III
Sant'Alfio - Grotta Giarrita I
Sant'Alfio - Grotta Giarrita II
Linguaglossa - Grotta di Monte Crisimo
Mascali - Grotta d'Azzaro
Mascali - Grotta di Scorciavacca I
Mascali - Grotta di Scorciavacca II
Mascali - Grotta delle Spine
Linguaglossa - Grotta del Nonno
Linguaglossa - Grotta del Tubo
Castiglione di Sicilia - Riconco di Liricio
Sant'Alfio - Grotta della Marinite
Castiglione di Sicilia - Grotta di Illicio
Sant'Alfio - Castagno dei Cento Cavalli
Sant'Alfio - Castagno di Sant'Agata
Etna - Crateri del 1928
Etna - Caserma Pitarrone
Etna - Casa Pietracannone
Etna - Monte Rinatu
Etna - Rifugio Citelli
Etna - Monte Concazza
Etna - I Due Monti
 
Linguaglossa - Grotta di Piano Porcaria

Itinerario
Da Linguglossa si percorre la carrozzabile che conduce a Piano Provenzana. Giunti al sesto chilometro si lascia la carrozzabile e si imbocca una carrareccia sulla sinistra che conduce all'ingresso del Demanio di Monte Crisimo. Dal cancello di ingresso del demanio si segue la carrareccia che si snoda verso ovest. Giunti ad una quercia posta al centro della sede stradale, si lascia la carrareccia e si procede verso estsudest per circa cinquanta metri. L'ingresso della cavità è poco visibile da lontano ed è costituito da un piccolo foro nel terreno. Le rocce che costituiscono l'ingresso sono abbondantemente ricoperte da muschi.

Descrizione
Trattasi di una interessante cavità in lave antiche. Dal piccolo ingresso aperto su un fianco della cavità si accede ad un primo ambiente caratterizzato da imponenti crolli. Da questo primo ambiente si dipartono tre tratti di galleria. Il primo orientato verso ovest lungo circa quindici metri, il cui pavimento è ricoperto da detriti e sabbia; vi si notano imponenti crolli. La volta non sempre consente una postura eretta e nella parte terminale impone una progressione carponi o addirittura ventre a terra. Il secondo tratto di galleria è orientato a sudest ed è lungo circa quaranta metri. La volta consente la postura eretta per una buona metà dello sviluppo mentre diventa bassa, circa un metro, nel tratto terminale. Il pavimento è costantemente ricoperto da detriti e sabbia, numerosi sono i crolli sia dalla volta che dalle pareti. Nel tratto terminale della galleria si è riscontrata una copiosa presenza di molluschi pulmunati, artropodi ed altre specie di piccole dimensioni. Numerose sono le cortine di radici. Il terzo tratto di galleria, orientato a nord, presenta uno sviluppo di oltre ottanta metri e un aspetto morfologicamente differente dai due tratti precedenti. Il primo tratto è ampio e morfologicamente simile ai precedenti. In fondo a questo si apre una piccola galleria il cui accesso è alto poco più di sessanta centimetri. Da questo punto in poi, quasi costantemente, l'altezza della volta non consente una postura eretta e spesso si è costretti a procedere carponi. Il pavimento di lava scoriacea, notevolmente irta, solo raramente è ricoperto da sabbia o detriti. In fondo alla galleria si incrocia un'altra angusta galleria a transetto rispetto alla precedente, che si sviluppa per oltre cinquanta metri sia verso ovest che verso est. Il tratto est diventa non più praticabile dopo circa trenta metri, ma dato il suo andamento si vede che prosegue per almeno altri quindici metri. In questo tratto della cavità si è osservato un pipistrello.