Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

 
Possiedi una foto da
inserire in questa pagina?




Punti di interesse
Etna - Piano del Vescovo
Trecastagni - Cappella dei Santi Martiri
Trecastagni - Masseria di Monte Ilice
Zafferana Etnea - Chiesa Madre Santa Maria della Provvidenza
Trecastagni - Eremo di Sant'Emilia
Zafferana Etnea - Villa Comunale
Zafferana Etnea - Grotta del Coniglio
Zafferana Etnea - Grotta di Monte Arcìmis
Zafferana Etnea - Grotta del Turco
Zafferana Etnea - Grotta di Acqua Vitale
Pedara - Grotta delle Palombe
Pedara - Grotta di Monte Salto del Cane
Zafferana Etnea - Grotta La Fenice
Zafferana Etnea - Grotta del Gatto
Trecastagni - Grotta di Monte Cicirello
Zafferana Etnea - Grotta Torrisi
Zafferana Etnea - Grotta di Cassone
Etna - Cascata dell'Acqua Rocca
Zafferana Etnea - Anfiteatro Falcone Borsellino
Etna - Monte Arso
Etna - Monte Difeso
Etna - Monte Serra di Falco
Etna - Tre Monti
Etna - Monte San Nicolò
Etna - Monte Gorna
Etna - Monte Ilice
Etna - Monte Arcimis
Etna - Monte Salto del Cane
Etna - Monte Calanna
Etna - Monte Zoccolaro
Etna - Serra del Salifizio
 
Zafferana Etnea - Grotta del Gatto

Itinerario
Da Zafferana Etnea si percorre la carrozzabile che conduce al Rifugio Sapienza. Superato l'Emmaus si procede ancora lungo la carrozzabile per circa due kilometri e settecento metri, si non al secondo tornante dal suddetto Emmaus. Lasciata l'autovettura in uno nello spazio compreso tra i due tratti di strada del tornante, si imbocca una carrareccia, chiusa da un cancello in ferro, posta sul lato ovest del tornante. Si prosegue a piedi lungo quest'ultima superando un secondo cancello in ferro e quindi per circa centocinquanta metri. Sul lato nord della carrareccia, appena superato un imponente fronte lavico, si trova un ampio sentiero. Si imbocca quest'ultimo e lo si percorre per circa settanta metri giungendo alla piccola radura che contiene la cavità.

Descrizione
Si tratta di una breve galleria di scorrimento contenuta in lave molto antiche. La cavità è costituita dai resti di un imponente condotto lavico, oggi quasi totalmente crollato. La grotta si articola in due rami posti agli estremi nord e sud della radura dovuta la crollo della suddetta struttura di scorrimento. Il ramo a nord è lungo poco più di quattro metri, mentre il ramo a sud è costituito da un circa ventinove metri di galleria ben conservata. Il pavimento nel ramo nord è di detriti e terra, mentre nel tratto sud è costituito da lava a superficie unita fatta eccezione per la parte terminale dove c'è un copioso accumulo di detriti e terra. Sono poco visibili i fenomeni di rifusione sulla volta e sulle pareti, quei pochi esempi sono costituiti quasi totalmente da lamine di distacco. All'interno della grotta si osservano copiose ragnatele e resti di mammiferi (istrice, coniglio).