Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Siracusa - San Domenico
Comuni nelle Vicinanze
  • Floridia
  • Priolo Gargallo
  • Siracusa

  • Punti di interesse
    Siracusa - Cappella del Sepolcro di Santa Lucia
    Siracusa - Sacrario ai Caduti
    Siracusa - Villa Landolina
    Siracusa - Parco Archeologico Neapolis
    Siracusa - Anfiteatro Romano
    Siracusa - Teatro Greco
    Siracusa - Tempio di Apollo
    Siracusa - Ara di Ierone II
    Siracusa - Tempio di Giove
    Siracusa - Castello Maniace
    Siracusa - Castello Casanova
    Siracusa - Catacombe di Vigna Cassia
    Siracusa - Cattedrale di Siracusa
    Siracusa - Santa Lucia al Sepolcro
    Siracusa - San Domenico
    Siracusa - Chiesa dei Cappuccini
    Siracusa - San Giovanni alle Catacombe
    Siracusa - Santa Maria di Gesù
    Siracusa - Fonte Ciane
    Siracusa - Fontana di Artemide
    Siracusa - Passeggio Aretusa
    Siracusa - Orecchio di Dionisio
    Siracusa - Grotta dei Cordari
    Siracusa - Latomia di Santa Venera
    Siracusa - Latomia Intagliatella
    Siracusa - Latomia Casale
    Siracusa - Latomia dei Cappuccini
    Siracusa - Museo Archeologico Regionale
    Siracusa - Museo del Papiro
    Siracusa - Fonte Aretusa
    Siracusa - Necropoli dei Grotticelli
    Siracusa - Tomba di Archimede
    Siracusa - Piazza di Santa Lucia
    Siracusa - Porta Marina
    Siracusa - Porto
    Siracusa - Santuario della Madonna delle Lacrime
    Siracusa - Autodromo di Siracusa
    Siracusa - Stazione
     
    Siracusa - San Domenico

    Era la chiesa del convento omonimo sito nell'attuale piazza S. Giuseppe. Fu costruita nel 1222 e dalla descrizione di A. Privitera nella citata cronaca, possiamo immaginarla grandiosa e ricchissima di decorazioni e di arredi tanto da essere tra le più belle di Ortigia. Aveva nove altari : entrando a destra quello di S. Tommaso d'Aquino, poi quello del Crocifisso ricco di reliquie, dopo quello di S. Raimondo e poi quello di S. Vincenzo Ferreri. A sinistra gli altari della Deposizione, della Madonna dei poveri in marmo pregiato e con lo sportello del tabernacolo in agata. Vicino all'altare si trovava un mausoleo di marmo e in un medaglione del bassorilievo si poteva vedere l'effige del fondatore appartenente alla famiglia Arezzo. Veniva dopo l'altare di S. Pietro martire e quello della Madonna del Rosario dove si trovava il corpo del beato Pietro Xueres, ora in S. Tommaso. L'altare maggiore, consacrato a S. Domenico, era sormontato dal grandissimo quadro del santo che, nel gennaio del 1873, fu trasportato nella chiesa di S.Francesco d'Assisi. Nelle pareti laterali, sopra gli altari, si trovavano i quadri rappresentanti i misteri gloriosi del Rosario a destra, e a sinistra i misteri gaudiosi. Il coro si trovava sopra la porta principale ed era sostenuto da due grosse colonne tortili di pietra bianca. In questa chiesa, nel 1496, furono celebrati i funerali del Governatore della Camera Reginale Giovanni de Carderas, il cui sepolcro in alabastro, che ora ammiriamo al Bellomo, fu collocato accanto all'altare di S. Tommaso d'Aquino. Dopo il terremoto la chiesa fu restaurata con le offerte dei devoti della statua della Madonna della neve, detta Madre dei poveri, opera del Gaggini, fatta eseguire nel 1607 dal conte D. Onorato Gaetani e che ora possiamo vedere in Cattedrale di Siracusa.