Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Noto - Teatro Vittorio Emanuele
Punti di interesse
Noto - Eloro
Noto - Cattedrale di San Nicolò
Noto - Chiesa di San Francesco
Noto - Santa Maria dell'Arco
Noto - Chiesa di San Domenico
Noto - Chiesa del Carmine
Noto - Chiesa dell'Eremo fuori le mura
Noto - Chiesa di San Carlo Borromeo
Noto - Santa Maria di Gesù
Noto - Chiesa di Sant'Agata
Noto - Chiesa del Santtismo Crocifisso
Noto - Chiesa di San Michele
Noto - Chiesa del Santissimo Salvatore
Noto - Chiesa di Santa Chiara
Noto - Chiesa di San Francesco di Paola
Noto - Ecce Homo
Noto - Chiesa di montevergine
Noto - Fontana d'Ercole
Noto - Giardini Pubblici
Noto - Palazzo Ducezio
Noto - Palazzo di Lorenzo
Noto - Palazzo Trigona
Noto - Palazzo Impellizzeri
Noto - Palazzo Astuto
Noto - Palazzo Nicolacci
Noto - Palazzo Landolina
Noto - Porta Reale
Noto - Santuario di San Corrado
Noto - Teatro Vittorio Emanuele
 
Noto - Teatro Vittorio Emanuele

Il Teatro Comunale fu fortemente voluto, nel periodo di maggior prestigio della città, tornata Capoluogo nel 1837 e divenuta Diocesi nel 1844, dall'Intendente Salvatore La Rosa, ma il sito originariamente prescelto, il declivio S. Domenico, era obiettivamente di serio pregiudizio estetico per la città.
I lavori di sbancamento, intrapresi il 14 aprile 1851, vennero sospesi nel giugno seguente per disposizione regia, a seguito degli esposti dei Gesuiti e della marchesa di S. Alfano. Venne poi scelto l'attuale sito (ex casa Salonia, acquistate dal Marchese del Castelluccio) dove i lavori vennero avviati nel novembre 1853, sotto la direzione dell'arch. Francesco Sortino, sostituito, dopo la sua morte, dall'arch. Francesco Cassone.
Il Teatro venne inaugurato, benchè ancora incompleto, il 4 dicembre 1870 e il Consiglio Comunale, in segno di riconoscenza, volle intitolarlo al La Rosa, ancora in vita (2 febbraio 1873): ma dopo la morte di Vittorio Emanuele II (1878) venne intitolato al primo Re d'Italia.
Il teatro assolse a una funzione di notevole rilievo culturale fin verso il 1915, poi decadde e fu oggetto di scarsa cura manutentiva, tanto che dopo la Grande Guerra dovette essere integralmente restaurato, riaprendo il 31 marzo 1923.
Ancora trascurato nei decenni successivi, subì verso il 1958 il crollo della volta. Dagli anni '60 al 1998 è stato di nuovo, più volte, restaurato e, da ultimo, dotato di nuovi arredi e attrezzature, il che ha consentito una nuova inaugurazione nel 1997, con il successivo avvio di regolari stagioni teatrali.
Il Teatro ha attualmente una capacità di 320 posti a sedere che include tre file di palchi ed una galleria con 80 sedie.
Alla sommità del prospetto è posta una grande statua in pietra calcarea, allegoria della musica, fiancheggiata da due trofei, tutte opere dello scultore Giuliano da Palazzolo su disegni del Cassone.