Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Noto - Chiesa del Carmine
Punti di interesse
Noto - Eloro
Noto - Cattedrale di San Nicolò
Noto - Chiesa di San Francesco
Noto - Santa Maria dell'Arco
Noto - Chiesa di San Domenico
Noto - Chiesa del Carmine
Noto - Chiesa dell'Eremo fuori le mura
Noto - Chiesa di San Carlo Borromeo
Noto - Santa Maria di Gesù
Noto - Chiesa di Sant'Agata
Noto - Chiesa del Santtismo Crocifisso
Noto - Chiesa di San Michele
Noto - Chiesa del Santissimo Salvatore
Noto - Chiesa di Santa Chiara
Noto - Chiesa di San Francesco di Paola
Noto - Ecce Homo
Noto - Chiesa di montevergine
Noto - Fontana d'Ercole
Noto - Giardini Pubblici
Noto - Palazzo Ducezio
Noto - Palazzo di Lorenzo
Noto - Palazzo Trigona
Noto - Palazzo Impellizzeri
Noto - Palazzo Astuto
Noto - Palazzo Nicolacci
Noto - Palazzo Landolina
Noto - Porta Reale
Noto - Santuario di San Corrado
Noto - Teatro Vittorio Emanuele
 
Noto - Chiesa del Carmine

Scendendo da Piazza XVI Maggio, lungo la Via S. La Rosa, e svoltando a destra per Via Ducezio ci si trova di fronte alla Chiesa del Carmine, che sorge su una piazzetta, all'inizio di detta via.Fu costruita nel 1743 dal maestro Corradino Randazzo su progetto di Rosario Gagliardi che disegnò anche il Convento. Sul portale della facciata concava, a tre ordini di lesene sovrapposte, domina un grande emblema carmelitano sorretto da adue putti alati di squisita fattura. Il disegno, nel suo insieme morbido e riposato, precorre i canoni estetici che verranno, mentre il fregio del portale, le volute laterali del 2° ordine e i singolari acroteri del 2° e 3° conferiscono al monumento un movimento di masse di indiscutibile fattura barocca. L'interno si presenta a croce greca, ricchissimo di stucchi ( putti, fregi, merlature ); ha sei altari laterali, due dei quali contenuti nelle cappelle del braccio trasversale. Sull'altare centrale troneggia la "Madonna del Carmelo", in legno, proveniente da Noto Antica, attribuita al netino Antonio del Monachello (sec.XVI). Sulla volta un grande affresco, "Il trionfo della Vergine del Carmelo" sulle eresie ariana e nestoriana, attribuito alla scuola del pittore catanese Olivio Sozzi. Di buona fattura le pale del promo e terzo altare di sinistra, i "Santi Martiri" e il "Martirio di S. Lucia" (fine sec. XVIII). Pregevoli le acquesantiere in pietra asfaltica, provenienti da Noto Antica (sec. XVI-XVII).