Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Motta Sant'Anastasia - Castello di Motta Sant'Anastasia
Punti di interesse
Motta Sant'Anastasia - Castello di Motta Sant'Anastasia
Belpasso - Etnapolis
Misterbianco - Auchan
Catania - Felix
Misterbianco - Mercatone Uno
Belpasso - Etnafiere
Camporotondo Etneo - Grotta del Menzagno
Ragalna - Grotta Malaterra I
Ragalna - Grotta Malaterra II
Ragalna - Grotta Malaterra III
Belpasso - Etnaland
Belpasso - Parco Zoo di Sicilia
 
Motta Sant'Anastasia - Castello di Motta Sant'Anastasia

Il Castello di Motta Sant'Anastasia o Torre normanna o Dongione, fu edificato dal Gran Conte Ruggero il Normanno nel 1070-1074, pare sul rudere di una torre araba. Già nel 1091, il castello venne concesso alla istituenda diocesi di Catania che ne detenne il possesso fino alla fine del XIII sec.

Nel XIV sec., per diciannove anni fu dimora del conte di Aidone, Enrico il Rosso. Nel 1408 fu acquistato da Sancho Ruiz de Lihorj per poi passare nelle mani del re D'Aragona. Nel 1514 il territorio di Motta fu acquistato da Aloisio Sanchez. Nel 1526, Antonio Moncada, conte di Adernò, acquistò Motta e il suo castello che rimasero proprietà dei suoi discendenti fino al 1900, anno in cui venne acquistato dal comune di Motta. Esso è un massiccio torrione quadrangolare merlato a pianta rettangolare, di metri 17 x 8,5 e h. metri 20, con sei finestre nel piano di mezzo, e una merlatura di età normanna con piccole feritoie. Il torrione è impostato su una balza rocciosa lavica. Le murature sono realizzate in opus incertum di pietrame lavico, i cantonali sono realizzati in conci squadrati di pietra lavica, ma lo spessore dei muri, di metri 1,60, è piuttosto contenuto. Il castello è diviso, in altezza, in tre piani illuminati da piccole aperture. Al piano terra vi è la porta d'ingresso di modeste dimensione e la copertura conclusiva è costituita da una volta ogivale con arcata mediana di sostegno impostata su mensole. La terrazza presenta un coronamento di merli.

Nel piano terra, destinato ad alloggio militare, sono visibili una serie di feritoie per la difesa. Il primo piano era destinato all'alloggio del comandante della guarnigione, mentre il secondo piano è caratterizzato da un arco a sesto acuto. Le tre elevazioni erano collegate tra loro da una serie di scale a pioli retrattili di legno.

Probabilmente alla torre di Motta era attribuito un valore soprattutto militare-difensivo, mentre la funzione residenziale sembra del tutto secondaria. Oggi, divenuto proprietà del Comune, viene utilizzata come spazio espositivo e centro di informazione turistica.