Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Sant'Alfio - Grotta dei Ladri
Punti di interesse
Linguaglossa - Grotta del Porcospino
Piedimonte Etneo - Grotta di Monte Stornello
Castiglione di Sicilia - Grotta di Monte Corruccio
Milo - Grotta di Serracozzo
Linguaglossa - Grotta del Tesoro
Castiglione di Sicilia - Pozzi dell'Eruzione del 1923
Linguaglossa - Grotta di Piano Porcaria
Linguaglossa - Grotta delle Monache
Sant'Alfio - Grotta dei Ladri
Castiglione di Sicilia - Grotta di Monte Nero
Sant'Alfio - Pozzo di Cerrita
Sant'Alfio - Grotta Crateri 1928 I
Sant'Alfio - Grotta Crateri 1928 II
Sant'Alfio - Grotta Crateri 1928 III
Sant'Alfio - Grotta Lave 1928
Sant'Alfio - Grotta Giarrita I
Sant'Alfio - Grotta Giarrita II
Castiglione di Sicilia - Grotta Gabriella
Linguaglossa - Grotta di Monte Crisimo
Linguaglossa - Grotta del Nonno
Linguaglossa - Grotta del Tubo
Sant'Alfio - Grotta della Marinite
Etna - Linguaglossa
Etna - Monti Sartorius
Etna - Monte Zappinazzo
Etna - Monte Corvo
Etna - Vallone della Quarantore
Etna - Rifugio di Monte Baracca
Etna - Monte Conca
Etna - Crateri Umberto e Margherita
Etna - Caserma Pitarrone
Etna - Monte Rosso
Etna - Monte Nero 1
Etna - Monte Ponte di Ferro
Etna - Rifugio Timparossa
Etna - Monte Simone
Etna - Rocca Musarra
Etna - Monte Cagliato
Etna - Casa Pietracannone
Etna - Monte Rinatu
Etna - Monte Frumento delle Concazze
Etna - Rifugio Citelli
Etna - Monte Concazza
Etna - I Due Monti
 
Sant'Alfio - Grotta dei Ladri

Itinerario
Da Fornazzo, frazione del comune di Milo, si percorre la SP Mare - Neve sino al km dove, in direzione est si diparte una carrareccia che si snoda all'interno del bosco. La si percorre sino al suo termine dove si trovano i quattro ingressi della grotta. La cavità è segnalata sulla strada provinciale da un cartello per indicazioni turistiche messo in sito dal Comune di Sant'Alfio.

Descrizione
Trattasi di una ampia cavità generata da fenomeni di scorrimento lavico. Vi si accede attraverso quattro aperture poste, due sui fianchi della galleria e due sulla volta. L'ingresso più occidentale è dotato di una ripida scala con i gradini scavati nella roccia. Costituita da un unico ambiente, abbastanza ben conservato, la grotta ha una altezza media che consente costantemente la stazione eretta. Il pavimento della cavità è ricoperto da uno strato di detriti e sabbia. La volta e le pareti sono scarsamente dotate di speleotemi da rifusione. Vi si osservano alcuni crolli e un cunicolo orientato a nordest. La cavità è conosciuta da molti anni e deve il suo nome alla legenda che la narra come luogo prediletto dai briganti per i loro agguati.