Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

 
Possiedi una foto da
inserire in questa pagina?




Punti di interesse
Ragusa - Cattedrale di San Giovanni Battista
Ragusa - Le Masserie
Ragusa - Chiesa dei Cappuccini
Ragusa - Chiesa San Pietro
Ragusa - Chiesa del Purgatorio
Ragusa - Chiesa di San Francesco all'Immacolata
Ragusa - Chiesa di San Giuseppe
Ragusa - Chiesa di San Tommaso
Ragusa - Chiesa di Sant'Antonio
Ragusa - Ecce Homo
Ragusa - Maria Santissima Addolorata
Ragusa - Chiesa di San Giacomo
Ragusa - Santa Maria dell'Idria
Ragusa - Convento di Santa Teresa
Ragusa - Duomo di San Giorgio
Ragusa - Giardino Ibleo
Lago di Santa Rosalia
Ragusa - Museo Archeologico Ibleo
Ragusa - Municipio
Ragusa - Palazzo Battaglia
Ragusa - Palazzo Bertini
Ragusa - Palazzo Di Quattro
Ragusa - Palazzo Donnafugata
Ragusa - Palazzo Vescovile
Ragusa - Palazzo Zacco
Ragusa - Piazza Libertà
Ragusa - Portale di San Giorgio
Ragusa - Santuario del Carmine
Ragusa - Stazione
 
Ragusa - Santa Maria dell'Idria

Sorta con molta probabilita' nel sec. XIV, al centro dell'antico quartiere ebraico di "Cartellone", la chiesa chiesa dell'itria apparteneva all'Ordine dei Cavalieri di Malta e precisamente alla Commenda di Modica-Randazzo, fondata dai conti di Modica della famiglia Chiaramonte, come indica la presenza delle caratteristiche croci ottagone nel portone d'ingresso, nella cantoria dell'organo e nell'altare maggiore. Era dedicata al Santo Vescovo Giuliano l'Ospedaliere, poiche'; aveva annesso un "hospitium" per l'accoglienza dei viandanti e degli ammalati. Tuttavia, poiche' vi si venerava una immagine della Madonna dell'Itria (dal greco Odygitria che significa colei che indica il cammino), la cui devozione e' molto diffusa in Sicilia, ben presto la chiesa fu ad essa intitolata.
Poco o nulla danneggiata dal terremoto del 1693, nella prima meta' del XVIII secolo, l'antica chiesa fu ampliata e ricostruita in stile barocco diventando uno dei luoghi di culto piu' importanti del quartiere.
La facciata, completata nel 1740, ha una impostazione al quanto classicista ed accademica. Nel primo ordine si aprono torre campanaria tre portali caratterizzati da cornici aggettanti e decorazioni in pietra calcarea intagliata a motivi floreali e a festoni. A fianco si innalza la torre campanaria coronata da una balaustra a pilastrini e sormontata dal tamburo ottagonale che termina con una cupoletta costolata.
Le pareti del tamburo ospitano otto riquadri in terracotta policroma datati 1754, con la raffigurazione di grandi vasi di fiori di gusto rococo'.L'interno, a pianta basilicale, e' diviso in tre navate da due file di colonne in pietra calcarea con capitello corinzio, che altare maggiore reggono otto archi a tutto sesto: sull'arco trionfale del presbiterio la data 1739 indica la conclusione dei lavori.Particolarmente interessanti sono i cinque altari delle navate laterali ricchi di sculture ed intagli, realizzati tra il 1741 e il 1758 dagli scultori ragusani della famiglia Cultraro.
Quelli di San Giuliano e del Crocifisso, che sono i piu' antichi, si caratterizzano per un'esuberante decorazione scultorea con ghirlande di fiori e frutti che arricchiscono anche le belle colonne tortili mentre quelli dedicati a San Biagio e alla Sacra Famiglia risalenti al 1758, si distinguono per uno stile molto piu' raffinato ed originale, di ispirazione rococo'.
Di dimensioni maggiori ma di impostazione piu' accademica risulta l'altare del presbiterio, il cui modello venne fornito agli scultori dal rettore della chiesa, il rev. Don Francesco Donzelli nel 1743 e in cui si trova inserita una grande tela raffigurante la Madonna dell'Idria. All'inizio della navata destra si apre la cappella dell'Addolorata realizzata nel secolo XIX sull'area in cui sorgeva l'antica chiesa, di cui restano alcune cornici intagliate che ornano la porta d'ingresso ed un pilastro esagonale murato nella parete dell'adiacente sacrestia.
Sul pavimento della chiesa si trovano tre lastre tombali in pietra pece che indicano rispettivamente le sepolture del popolo, del clero e della famiglia Cosentini, che aveva lo jus patronato sull'altare del Crocifisso.