Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Caltagirone - Chiesa Santa Maria del Monte
Punti di interesse
Caltagirone - Corte Capitaniale
Caltagirone - Istituto d'Arte per la Ceramica
Caltagirone - Chiesa San Bonaventura
Caltagirone - Chiesa Santa Maria del Monte
Caltagirone - Chiesa San Nicola
Caltagirone - Chiesa Sant'Agata
Caltagirone - Chiesa San Francesco d'Assisi
Caltagirone - Chiesa San Pietro
Caltagirone - Chiesa di San Giacomo
Caltagirone - Chiesa del Gesù
Caltagirone - Chiesa dei Cappuccini
Caltagirone - Chiesa San Domenico
Caltagirone - Santa Maria del Monte
Caltagirone - Santa Chiara
Caltagirone - San Bonaventura
Caltagirone - Chiesa del Santissimo Salvatore
Caltagirone - Ex Biblioteca Comunale
Caltagirone - Cattedrale di San Giuliano
Caltagirone - Villa Comunale
Caltagirone - Museo Civico Ex Carcere Borbonico
Caltagirone - Museo della Ceramica
Caltagirone - Palazzo della Magnolie
Caltagirone - Scalinata Santa Maria del Monte
 
Caltagirone - Chiesa Santa Maria del Monte

Sorge nella parte più antica dell’abitato ed era un tempo dedicata a Santa Maria Assunta. Più volte danneggiata e riedificata, la chiesa di Santa Maria del Monte, Matrice prima delle erezione della chiesa di San Giuliano come cattedrale, si trova in cima alla famosa scalinata di Caltagirone che, costruita nel 1606, soddisfaceva l’esigenza di unire direttamente la Chiesa Madre con il Palazzo di Città; fu successivamente restaurata e abbellita con i motivi che riprendono i vari stili che hanno caratterizzato nei secoli l’arte della ceramica a Caltagirone.
La volta della navata centrale è decorata con
affreschi raffiguranti eroine bibliche, Rebecca, Abigail, Giuditta e Ester, nelle quali la tradizione della Chiesa ha visto delle prefigurazioni di Maria la cui immagine è dipinta nella volta del presbiterio e realizzati nella prima metà dell’Ottocento dai fratelli Vaccaro. Degli altari laterali sono da segnalare quello dedicato alla Madonna del Salterio, la cui statua marmorea è attribuita a Domenico Gagini (